Le basi

Modalità di scatto

  • 24 Luglio 2015

Modalità di scatto P,A,S,M

Queste modalità di scatto permettono al fotografo di modificare alcuni parametri della macchina fotografica, o tutti nella modalità M.  Ogni lettera indica un parametro che un fotografo può modificare, e sono:

  • (P) Program/Modalità Programma
  • (A) Aperture Priority/Priorità di apertura
  • (S) Shutter Priority/Priorità di tempi
  • (M) Manual/Modalità manuale

Modalità di scatto P o Program

modalità di scatto pQuesto tipo di modalità è molto simile alla modalità AUTO, è la fotocamera che decide i tempi, ISO e diaframmi, lasciando a noi di regolare solamente il bilanciamento del bianco, la composizione e la compensazione dell’esposizione.

In altre parole, la modalità “P” può essere comoda nel momento in cui non abbiamo molto tempo per regolare i tre parametri o nel caso in cui, siamo dei principianti in modo da essere sicuri di riuscire a scattare qualche ottima foto.

Modalità A o priorità di diaframmi

aImpostando questa modalità di scatto, siamo liberi di scegliere l’apertura di diaframma che vogliamo in modo da controllare la profondità di campo, lasciando il compito all’automazione della nostra reflex di scegliere i tempi più adatti.

In tal modo, avremo il totale controllo dei diaframmi scegliendo un’apertura maggiore per avere meno profondità di campo da creare uno stacco maggiore del soggetto dallo sfondo, o chiudere il diaframma per avere tutti i piani a fuoco.

Modalità S o priorità dei tempi

sQuesta modalità determina la frazione di tempo che il sensore resta esposto alla luce attraverso l’obiettivo. Questo tempo dipende molto dalla quantità di luce che illumina il soggetto. In pieno sole il soggetto potrà essere esposto per un tempo breve, diversamente in caso di scarsa illuminazione, questo tempo si allungherà proporzionalmente. Allungando i tempi di scatto oltre una certa soglia, potremmo registrare sul sensore il movimento del soggetto, generando così una foto mossa. La modalità priorità dei tempi ci lascia il controllo della scelta della velocità di scatto. Questa modalità di ripresa, infatti, risulta molto utile nelle fotografie sportive o azione dove abbiamo bisogno di tempi rapidi per congelare l’azione  del soggetto o per catturare il movimento, come le scie luminose, come la fotografia notturna, star-trail,  l’effetto dell’acqua e le nuvole velate.

Modalità M o Manuale

mCon questa impostazione siamo in pieno controllo della reflex, di ogni singola impostazione. Dovremo essere veloci nello scegliere la coppia diaframmi/otturatore giusta, una volta impostato gli ISO che riteniamo adatti. Se scattiamo in esterno di giorno, impostiamo il valore ISO più basso possibile e il bilanciamento del bianco in base alla situazione (sole, nuvoloso, ecc).

In caso di foto notturne, solo con la modalità manuale possiamo utilizzare la ripresa BULB (posa B), regolata da un telecomando esterno, che permette al fotografo di mantenere aperto l’otturatore più del tempo prestabilito dalle reflex normali (solitamente max. 30sec).

In ogni caso, scattare in modalità manuale sarebbe una soluzione sia per imparare e migliorarsi, sia per avere il pieno controllo dell’esposizione, mettendoci sempre del nostro. Al contrario, nelle situazioni semi-automatiche avremo sempre degli aiuti indispensabili rendendoci la vita più facile.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi